prime-video-chromecast-giudici
Con questo post imparerai… che puoi finalmente vedere Amazon Prime Video con Chromecast ma puoi farlo anche in altri modi usando il tuo dispositivo Android per vedere tutto, anche Amazon Prime Video.

Fino a qualche tempo fa chi usava Chromecast con il proprio smartphone sapeva che con app come Youtube, Netflix, Now, Dazn o Infinity non c’erano problemi, che con Dplay, Raiplay o MediasetPlay ce n’era qualcuno e che Amazon Prime Video con Chromecast era una cosa impensabile.

Fino a ieri, perché oggi Amazon ha posto rimedio a questa mancanza (voluta) mettendo l’opzione per Chromecast ma senza dare la possibilità di usare l’opzione risparmio dati. Si può aggirare il problema anche se purtroppo si può usare solo con i device Android e non gli Apple (ipad o iphone).

COSA E’ CHROMECAST
Chromecast è la chiavetta che permette di trasformare qualsiasi tv dotato di ingresso HDMI in uno smart-tv. Non solo, anche molte smart-tv non hanno tutte le app che ha il PlayStore o l’AppleStore, quindi anche in quel caso la Chromecast è utilissima.
In pratica funziona così:
• Si collega la Chromecast all’ingresso HDMI del televisore e la spina dell’alimentazione alla porta USB dello stesso (se la tv può alimentarla) oppure alla presa della corrente.
• Sul proprio smartphone: si accende il Bluetooth (e ci si connette alla rete wi-fi), si scarica la app GoogleHome, si avvia la app, si clicca su “Trovato dispositivo Chromecast xxxx. Vuoi configurare?”. Le “xxxx” sono un numero che cambia ogni volta. Si clicca su “Sì”, si aspetta qualche istante e quando sia sullo smartphone che sulla tv appare lo stesso codice si clicca su “sì”. Poi si sceglie il nome da assegnare alla chiavetta (Salotto, Camera da letto, ecc.) e si seleziona la rete wifi. Si attende per un po’ e… fatto!
• Ora in molte app apparirà, in alto a destra, il simbolo di un monitor con le bande del wifi. Cliccando su questo simbolo è possibile vedere sulla tv ciò che accade in quella app.

Un esempio. Se hai Youtube sullo smartphone, avvia la app, fai partire un video e clicca su questo simbolo: sulla tv (che deve essere accesa ovviamente) apparirà quel video. 

PERCHE’ E’ UTILE
La televisione nasce con un solo canale pubblico, poi si è evoluta con l’arrivo dei canali privati che hanno dato accesso al telespettatore a una moltitudine di canali. Oggi siamo nell’era 3.0 della televisione dove non si è più passivi (si sceglie fra i programmi decisi dai responsabili dei palinsesti dei vari canali quindi se una sera non c’è nulla che piace, ci si accontenta) ma si è attivi: nella nostra mano abbiamo uno smartphone con diverse app e ciascuna di queste è come se fosse una videoteca con migliaia di titoli. Ricordate quando si andava da Blockbuster? Ora sta tutto nella mano. 
Quindi si avvia Netflix o Prime Video o una delle altre, si sceglie il film o la serie tv o il documentario e si mette play e via.
Le smart tv sono televisori connessi a internet che hanno anche loro queste app accessibili non dallo smartphone ma dal telecomando della tv. Il problema è che non tutti hanno tutto. E comunque non tutti hanno voglia di cambiare il proprio tv HD acquistato magari cinque o sei anni fa quindi non trenta anni fa, televisori che funzionano ma che non possono essere connessi a internet. 
Ecco che subentra Chromecast che rispetto ad altri dongle tv (chiavette HDMI che sono come dei piccoli tablet android) è molto più semplice.

PROBLEMA AMAZON PRIME VIDEO
Streaming ChromecastCon Chromecast si può guardare quasi ogni app della tv. Inizialmente Amazon Prime Video con Chromecast è stato bloccato dalla stessa Amazon perché la società di Jeff Bezos aveva la sua FireStick (https://amzn.to/2IT7hOl) che è in pratica un doppione della chiavetta di Google ma con alcune limitazioni in più a livello di app. Non solo Prime Video però, perché il problema c’era anche su altre app. Se si andava sui vari Store e si leggono i commenti si legge spesso “l’app è buona ma perché non c’è la possibilità di usare Chromecast?”.
Questo era il passato però perché ok vendere la FireStick, ma la voglia di aumentare il numero di iscritti a Prime Video evidentemente ha avuto la meglio e quindi una volta tanto il mercato (gli utenti, la gente) ha vinto sulle politiche aziendali.

In realtà un problema c’è. Se si usa Chromecast con Prime Video la qualità del video sarà molto buona e questo perché viene trasmessa a livello alto, ovvero, con un alto dispendio di dati. Se invece volete utilizzare pochi dati allora dovete usare un altro sistema, che poi è quello che si utilizza anche per vedere Raiplay e Dplay che hanno lo stesso problema: con l’opzione interna alla app si vede meglio ma si consuma tanto. In questo modo invece vedrete comunque in modo accettabile ma “spenderete” molti meno giga. 

Ecco come: 

  • Apri GoogleHome sullo smartphone o tablet Android (ho già detto che sugli Apple non funziona), clicca sull’icona dell’omino in basso a destra
  • Clicca su “Esergui il mirroring del dispositivo”
  • Clicca su “Trasmetti schermo/audio”
  • Seleziona la tua Chromecast e… fatto!
  • Sulla televisione vedrai riprodotto il tuo smartphone/tablet e si vedrà qualsiasi cosa farai su questo
  • Apri Amazon Prime Video, scegli il film che vuoi vedere e lancialo. Ora lo vedrai sulla tv.

Ecco quindi che si può usare anche Amazon Prime Video con Chromecast. Facile, no? Questo meccanismo bypassa l'”opzione Chromecast” interna a ogni singola app. Puoi vedere le foto che hai sullo smartphone, consultare i social network, leggere le email, usare il proprio browser per fare ciò che si vuole, oppure usare le altre app (RaiPlay, MediasetPlay, Dplay) che spesso hanno difficoltà a connettersi e a volte tolgono (e poi rimettono) l’opzione Chromecast o il risparmio dati. Insomma, tutto ciò che prima non potevi vedere sulla tv, ora puoi.
Facile, no?

Se invece volete la via più facile oppure se a casa avete un wifi flat illimitato allora usate l’opzione interna alla app e gustatevi l’HD. Spendere tanti dati non vi importerà.

IL RISPARMIO DATI
Un aspetto importante di usare Amazon Prime Video con Chromecast è che la app permette un grosso risparmio di dati. In un altro articolo ho spiegato come è possibile usare Iliad o Ho Mobile a casa togliendo gli abbonamenti con Tim, Vodafone ecc. E’ una possibilità nata con le nuove offerte sul mobile, ma questo significa un grosso dispendio di dati se si usa una rete wifi non flat (cioè con dati illimitati). Anche se 50 giga sembrano tanti, basta mette in play un film di un’oretta e mezzo in HD (e non parlo dell’ultraHD o del 4K) e ci si ritrova con 3, 4 giga volati via così… puff! Le app invece permettono di abbassare la qualità della visione e se siete disposti a scendere a compromessi accettando qualche pixel di più, allora potrete risparmiare molto. Ecco perché usare Amazon Prime Video con Chromecast:

  • App Amazon Prime Video > Tre lineette in alto a sinistra > Impostazioni > Qualità streaming
  • Risparmio dati: 1 ora a 0,14 giga
  • Buona: 1 ora a 0,27 giga
  • Superiore: 0,33 GB giga
  • Massima: 1 ora a 0,46 giga
  • Questi sono i dati da app che variano se si vede su computer (e si può trasmettere sulla Chromecast aprendo il sito dal browser Chrome). Esplodono se si usa sulla Playstation 4 dove non è possibile settare la qualità dello streaming.

Anche Netflix permette il downgrade dello streaming, mentre nulla da fare con Infinity e gli altri (ma vedrai che presto lo faranno tutti).

Ovviamente se non hai la Chromecast o non sei iscritto a Prime Video potrebbe interessarti poco (anche se ti sarà utile per fare tantissime altre cose), ma potresti comunque iscriverti gratuitamente per vedere di cosa si tratta. Il primo mese è gratuito e oltre a film e serie tv permette anche di leggere ebook, di non pagare le spese di spedizione su molti prodotti, di ascoltare musica legalmente, di archiviare le foto e molto altro: goo.gl/UaqA51

In questo articolo  ho scritto qualche consiglio su cosa guardare su Amazon Prime Video: i 30 programmi cult e la lista dei 169 imperdibili.

Qui puoi vedere i passaggi dentro la app Google Home: